CESSAZIONE DELLA QUALIFICA DI RIFIUTO E RECUPERO DI MATERIA: EVOLUZIONE DEL SETTORE E ULTIME NOVITA’

Iscriviti al corso: CESSAZIONE DELLA QUALIFICA DI RIFIUTO E RECUPERO DI MATERIA: EVOLUZIONE DEL SETTORE E ULTIME NOVITA’

Scegli la data del corso

Ragione sociale

Ragione sociale *

Indirizzo *

Citta' *

Provincia *

CAP *

Telefono *

Fax *

Email *

Partecipanti

Anagrafica primo partecipante

Nome *

Cognome *

Area di competenza *

Anagrafica secondo partecipante

Nome

Cognome

Area di competenza

Anagrafica terzo partecipante

Nome

Cognome

Area di competenza

Anagrafica quarto partecipante

Nome

Cognome

Area di competenza

Dati fatturazione

Se al momento dell'iscrizione non si dispone dei codici da inserire nei campi obbligatori proseguire la compilazione scrivendo, all'interno del campo, che verranno comunicati successivamente.

Ragione sociale

Indirizzo

Citta'

Provincia

Cod. Fiscale/P. Iva *

Codice Univoco Ufficio/Codice Destinatario *

PEC *

Soggetto a split payment *

no

CAP

Telefono

Fax

Email

CIG

Referente Amministrativo

Numero d'ordine da riportare in fattura

Modalità di pagamento

Pagamento *

Quota di partecipazione indicata nelle note organizzative

Note

L’assegno bancario o circolare va intestato a ITA Srl.

Il bonifico bancario è da effettuarsi presso:
BANCA DEL PIEMONTE
IBAN: IT55 D030 4801 0000 0000 0088 066

ITA rispetta gli obblighi della L. 136/2010 e dispone di conto dedicato, il nominativo del soggetto delegato sarà comunicato in sede di iscrizione.

Qualora non pervenga disdetta scritta almeno 5 giorni lavorativi prima della data del corso verrà fatturata l'intera quota di partecipazione. In ogni momento è possibile sostituire il partecipante.

Informativa ex art. 13 e art. 14 regolamento 2016/679/UE

Programma del corso

I principi dell’economia circolare, la gerarchia dei rifiuti e la società del riciclo
-preparazione per il riutilizzo, riutilizzo, riciclaggio e recupero

Il confine tra rifiuto, beni usati, sottoprodotti, materie prime secondarie e End of Waste

Il passaggio dalle MPS all’EoW
-la Direttiva 98/2008
-i Regolamenti comunitari sull’End of Waste
-le Linee Guida della Commissione Europea

Il quadro normativo nazionale

Quando un rifiuto cessa di essere tale: il previo assoggettamento ad una procedura di recupero e la giurisprudenza della Corte di cassazione

Criteri generali e specifici del recupero dei rifiuti

Le procedure amministrative per la cessazione della qualifica di rifiuto
-in via ordinaria tramite decreto ministeriale
-in via transitoria tramite procedure semplificate, accordi di programma, autorizzazioni ordinarie

Le autorizzazioni caso per caso
-le competenze delle Regioni e degli enti locali: i chiarimenti ministeriali (nota 1° luglio 2016 del MATTM)
-la sentenza del Consiglio di Stato n. 1229/2018 – conseguenze operative sulle autorizzazioni già rilasciate
-il problema del riconoscimento delle autorizzazioni regionali
-la delibera della Giunta della Regione Veneto del 2018
-le conclusioni dell’Avvocato generale UE e la sentenza della Corte di Giustizia del 28 marzo 2019
-l’autorizzazione della Provincia di Milano al biometano
Camilla Veturi

 

I decreti ministeriali approvati: CSS e Conglomerato bituminoso
-struttura dei regolamenti: input e output dei materiali, quando si verifica la cessazione della qualifica di rifiuto, rinvio alle regole tecniche e ai sistemi di certificazione della qualità, autocertificazioni del produttore, test di cessione e controlli
-chiarimenti interpretativi del Ministero
-la sentenza del TAR Lazio che annulla in parte il DM n. 22/2013 sul CSS: conseguenze applicative

I decreti in corso di emanazione: polverino da PFU, PAP, inerti da demolizione

Fanghi ed End of Waste, si pronunciano la Cassazione e il Ministero dell’Ambiente

I rapporti tra End of Waste e il regolamento 1907/2006 CE, c.d. Reach: il caso degli pneumatici fuori uso

Le novità legislative in arrivo: ritorno alle autorizzazioni regionali?

Autonomia differenziata delle Regioni e prospettive per l’End of Waste

La legge delega per il recepimento della Direttiva comunitaria 851/2018, novità su End of Waste

End of Waste e rischio di responsabilità penale
Fabrizio Fedeli

 

RELATORI
Camilla Veturi
Docente di Diritto Ambientale
Avvocato Sogesid s.p.a attualmente distaccata presso l’Ufficio Legislativo del Ministero dell’Ambiente
Fabrizio Fedeli
Avvocato dello Stato Vice Capo Ufficio Legislativo del Ministero dell’Ambiente

Note organizzative del corso

Modalità di iscrizione
Telefonare alla Segreteria ITA (011/56.11.426 – 56.24.402 – 54.04.97).
In seguito confermare l’iscrizione via e-mail (ita@itasoi.it) o compilare la scheda sul sito www.itasoi.it.

Quota di partecipazione individuale
Euro 950,00 più IVA
La quota di partecipazione è comprensiva di documentazione, colazioni di lavoro e coffee-break.
SONO PREVISTE CONVENZIONI-ABBONAMENTI E CONDIZIONI AGEVOLATE PER ISCRIZIONI MULTIPLE.
PER INFORMAZIONI CONTATTARE LA SEGRETERIA ITA.

Modalità di pagamento
Versamento della quota con:
– invio di assegno bancario o circolare intestato a ITA Srl;
– bonifico bancario da effettuarsi presso Banca del Piemonte IBAN: IT55 D030 4801 0000 0000 0088 066

Data e Sede
Venerdì 21 Giugno 2019
Milano – The Westin Palace
Piazza della Repubblica, 20

Orario
9,00 – 13,00 / 14,30 – 17,00

Prenotazione alberghiera
La Segreteria ITA è a disposizione dei partecipanti per prenotazioni alberghiere a tariffe preferenziali nei limiti delle disponibilità.

Disdetta iscrizione
Qualora non pervenga disdetta scritta almeno 5 giorni lavorativi prima della data dell’evento verrà fatturata l’intera quota di partecipazione. In ogni momento è possibile sostituire il partecipante.

Codice MEPA
PS19D095A

 

Crediti Formativi Professionali

La richiesta dei Crediti Formativi Professionali presso l’Ordine degli Avvocati di Milano deve pervenire alla Segreteria ITA almeno 60 giorni prima della data del corso.

Iscriviti al corso: CESSAZIONE DELLA QUALIFICA DI RIFIUTO E RECUPERO DI MATERIA: EVOLUZIONE DEL SETTORE E ULTIME NOVITA’

Scegli la data del corso

Ragione sociale

Ragione sociale *

Indirizzo *

Citta' *

Provincia *

CAP *

Telefono *

Fax *

Email *

Partecipanti

Anagrafica primo partecipante

Nome *

Cognome *

Area di competenza *

Anagrafica secondo partecipante

Nome

Cognome

Area di competenza

Anagrafica terzo partecipante

Nome

Cognome

Area di competenza

Anagrafica quarto partecipante

Nome

Cognome

Area di competenza

Dati fatturazione

Se al momento dell'iscrizione non si dispone dei codici da inserire nei campi obbligatori proseguire la compilazione scrivendo, all'interno del campo, che verranno comunicati successivamente.

Ragione sociale

Indirizzo

Citta'

Provincia

Cod. Fiscale/P. Iva *

Codice Univoco Ufficio/Codice Destinatario *

PEC *

Soggetto a split payment *

no

CAP

Telefono

Fax

Email

CIG

Referente Amministrativo

Numero d'ordine da riportare in fattura

Modalità di pagamento

Pagamento *

Quota di partecipazione indicata nelle note organizzative

Note

L’assegno bancario o circolare va intestato a ITA Srl.

Il bonifico bancario è da effettuarsi presso:
BANCA DEL PIEMONTE
IBAN: IT55 D030 4801 0000 0000 0088 066

ITA rispetta gli obblighi della L. 136/2010 e dispone di conto dedicato, il nominativo del soggetto delegato sarà comunicato in sede di iscrizione.

Qualora non pervenga disdetta scritta almeno 5 giorni lavorativi prima della data del corso verrà fatturata l'intera quota di partecipazione. In ogni momento è possibile sostituire il partecipante.

Informativa ex art. 13 e art. 14 regolamento 2016/679/UE