Diritto Amministrativo
TUTTO SUGLI OBBLIGHI DI TRASPARENZA (D.LGS. 33/2013) | Corso Anticorruzione e Trasparenza

ENTI PUBBLICI E PRIVATI OBBLIGATI, COMPETENZE, LIMITI E DIVIETI ALLA PUBBLICITA’, RESPONSABILITA’, SANZIONI, ACCESSO CIVICO E ACCESSO AI DOCUMENTI

  • 26 novembre 2014 ROMA, AMBASCIATORI PALACE HOTEL

 

Invia ad un amico
  • Captcha
<p>
	<em><strong>Per informazioni sui crediti formativi professionali contattare la segreteria ITA</strong></em></p>
Brochure stampabile Brochure stampabile
Iscrizione


RELATORI

Stefano Toschei
Consigliere TAR Lazio

 


PROGRAMMA DEL CORSO
Le amministrazioni pubbliche, le società e gli enti di diritto privato coinvolti nel “Sistema trasparenza”

applicazione del “Sistema di prevenzione della corruzione” a tutti i soggetti pubblici e a molti soggetti privati (come da Piano nazionale anticorruzione);
il “Sistema della trasparenza” quale strumento di lotta alla corruzione
il “Sistema della trasparenza” quale strumento di indagine e controllo diffuso sull’utilizzo delle risorse pubbliche
estensione dell’applicazione del “Sistema della trasparenza” alle società e ai soggetti privati (circolare Funzione Pubblica n. 1/2014)
nuovo quadro normativo in materia di trasparenza prodotto dalla modifica dell’art. 11 del Codice della trasparenza (D.L. n. 90/2014)

I soggetti coinvolti
il Responsabile della prevenzione della corruzione
il Responsabile della trasparenza
la nomina dei Referenti tra i dirigenti e responsabili di struttura
individuazione degli organi di indirizzo politico negli enti pubblici e negli enti privati (ad esempio amministratore unico e consiglio di amministrazione, giunta e consiglio negli enti locali e territoriali, direttori generali degli enti sanitari, presidenti delle Autorità portuali, presidenti delle fondazioni, ecc.)
le posizioni organizzative
gli altri dipendenti

La redazione dei Piani triennali di prevenzione della corruzione e l’incidenza sul “Sistema della trasparenza”
individuazione dell’obbligo di redazione ed approvazione del Piano
Sistema “231” e sistema “190”
la redazione del Programma della trasparenza
gli ulteriori atti generali da predisporre (Codice di comportamento, tutela di colui che segnala gli illeciti, modalità di rotazione degli incarichi, conferimento e autorizzazione degli incarichi extraistituzionali e non ai dipendenti, ecc.)
il significato di processo e la mappatura dei processi
analisi dei rischi e individuazione delle (contro)misure
il coinvolgimento di tutto il personale e non nella redazione del Piano
le responsabilità successive alla redazione del Piano
la responsabilità per mancata adozione del Piano del Programma della trasparenza e del Codice di comportamento (D.L. n. 90/2014)
il regolamento per l’irrogazione delle sanzioni pecuniarie da parte di ANAC (settembre 2014)
la corretta ed obbligatoria pubblicità sul sito web di quanto predisposto con il Piano e con gli altri atti generali in esso contenuti

L’applicazione del “Sistema trasparenza” al settore pubblico e a quello privato tenuto all’applicazione del Codice
caratteristiche del c.d. Codice o Testo unico della trasparenza
dall’accesso ai documenti per i soli legittimati, all’Amministrazione trasparente, passando per l’accessibilità totale e l’Amministrazione aperta
il principio generale di trasparenza ed il diritto a conoscere
i soggetti coinvolti dall’operazione trasparenza (amministrazioni, società in mano o a partecipazione pubblica, altri soggetti)
il Responsabile della trasparenza e la suddivisione dei compiti e delle responsabilità nelle Amministrazioni e nei soggetti privati obbligati alla pubblicazione (il Programma triennale per la trasparenza e l’integrità e la creazione della sezione “Amministrazione trasparente”)
limiti alla trasparenza (la nozione di dato nel c.d. Codice della privacy, in particolare i dati sensibili e giudiziari) e la dequotazione della tutela della privacy “a tutto campo”
modalità di pubblicazione del dato (“dati aperti e riutilizzo”)
inizio dell’obbligo di pubblicare il dato e durata della pubblicazione

Criticità relative ai singoli obblighi di pubblicazione dei dati attinenti a:
organizzazione dell’ente
organi di indirizzo politico
incarichi dirigenziali e di collaborazione o consulenza
bilancio, preventivo e consuntivo, Piano degli indicatori e risultati attesi di bilancio, monitoraggio degli obiettivi (le nuove norme dei DD.LL. 66/2014 e 90/2014)
enti pubblici vigilati, enti di diritto privato in controllo pubblico e partecipazioni in società di diritto privato
bandi di concorso
personale: dotazione organica e costo del personale con rapporto di lavoro a tempo indeterminato e non, incarichi conferiti ai dipendenti pubblici, valutazione della perfor-mance e distribuzione dei premi, contrattazione collettiva
provvedimenti amministrativi
procedimenti amministrativi, controlli sulle dichiarazioni sostitutive, acquisizione d’ufficio dei dati
atti di concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi (ex art. 18 D.L. 83/2012) e soggetti beneficiari
contratti pubblici di lavori, servizi e forniture (rinvio all’art. 1, comma 32, legge anticorruzione)
norme specifiche relative ai settori speciali (urbanistica, edilizia, gestione delle liste d’attesa, attuazione nei confronti dei dirigenti sanitari e degli enti sanitari)

La pubblicazione degli atti (anche facoltativa) e il bilanciamento con la tutela dei dati personali (linee-guida del Garante privacy del maggio 2014)

Necessità di organizzare, per ciascun ufficio a carico del dirigente o del responsabile della struttura, la dematerializzazione dell’attività amministrativa e illustrazione delle nuove tecniche di standardizzazione della redazione degli atti


L’accesso civico, le responsabilità e le sanzioni
l’esercizio del diritto di accesso civico e il controllo di “chiunque”
l’obbligo di risposta e le conseguenze della mancata pubblicità
il nuovo ruolo dell’ANAC (art. 19 D.L. n. 90/2014)
responsabilità amministrative, dirigenziali, disciplinari, civili e da danno all’immagine
le sanzioni ai componenti degli organi di indirizzo politico, ai dirigenti e ai dipendenti
la responsabilità penale


NOTE ORGANIZZATIVE DEL CORSO
Modalità di iscrizione
Telefonare alla Segreteria ITA (011/56.11.426 - 56.24.402 - 54.04.97).
In seguito confermare l'iscrizione via fax (011/53.01.40)
o via internet (http://www.itasoi.it).
 

Quota di partecipazione individuale
Euro 950,00 più IVA.
La quota di partecipazione è comprensiva di documentazione, colazione di lavoro e coffee-break.
SONO PREVISTE CONVENZIONI-ABBONAMENTI E CONDIZIONI AGEVOLATE PER ISCRIZIONI MULTIPLE.
PER INFORMAZIONI CONTATTARE LA SEGRETERIA ITA
 

Modalità di pagamento
Versamento della quota con:
invio di assegno bancario o circolare intestato a ITA Srl;
bonifico bancario da effettuarsi presso Banca del Piemonte IBAN: IT55 D030 4801 0000 0000 0088 066
oppure presso Banca Regionale Europea - FIL. Torino 10 IBAN: IT19 B069 0601 0090 0000 0002 626
 

Data e Sede
Mercoledì 26 Novembre 2014

Roma - Ambasciatori Palace Hotel
Via V. Veneto, 62


Orario
9,00 - 13,00 / 14,00 - 17,00.
 

Prenotazione alberghiera
La Segreteria ITA è a disposizione dei partecipanti per prenotazioni alberghiere a tariffe preferenziali nei limiti delle disponibilità.
 

Disdetta iscrizione
Qualora non pervenga disdetta scritta almeno 5 giorni lavorativi prima della data dell’evento verrà fatturata l'intera quota di partecipazione.
In ogni momento è possibile sostituire il partecipante.

ITA - Via Brofferio, 3 - 10121 Torino
Tel. 011/56.11.426 - Fax 011/53.01.40
www.itasoi.it - ita@itasoi.it

Iscrivitialla Newsletter