Contabilità Pubblica
LA RILEVAZIONE DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE P.A. | Corso Anticorruzione e Trasparenza

DAL D.LGS. 150/2009 AI MODELLI ANAC PER LA REALIZZAZIONE DI INDAGINI

  • 17-18 novembre 2014 ROMA, HOTEL BERNINI BRISTOL

 

Invia ad un amico
  • Captcha
<p>
	<em><strong>Per informazioni sui Crediti Formativi Professionali contattare la Segreteria ITA</strong></em></p>
Brochure stampabile Brochure stampabile
Iscrizione


RELATORI

Adelia Mazzi
Esperta di processi organizzativi
e sistemi contabili degli Enti Pubblici

Luisa Capucci
Esperta di Comportamenti Organizzativi

 

OBIETTIVI DEL CORSO
La necessità di effettuare in modalità sistemica un’indagine sul “benessere organizzativo” all’interno delle P.A. nasce dall’esigenza di rispettare le tematiche riprese dal D.Lgs. n.150/2009 che, in attuazione della Legge 4 marzo 2009 n. 15, “in materia di ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico e di efficienza e trasparenza delle pubbliche amministrazioni” prevede, al comma 5 dell’art. 14, una rilevazione annuale del benessere organizzativo.


La sensazione di star bene aumenta il livello di performance dei membri dell’organizzazione, e un’organizzazione che sta bene è un’organizza-zione che cresce e si sviluppa e di conseguenza genera sicurezza e benessere nei suoi membri: “Lo stato di benessere di un’organizzazione altro non è che la misura di un insieme di parametri che descrivono la qualità del clima organizzativo, ossia l’atmosfera che circonda l’intera organizzazione, il livello del morale e l’intensità dei sentimenti di appartenenza e di affezione e buona volontà che si riscontra tra i dipendenti” (Mullins, 2005).

Il corso si propone l’approfondimento di temi tali da:

  • ­aumentare l’efficacia e la produttività dell’organizzazione, realizzando il benessere fisico e psicologico delle persone
  • ­contribuire a realizzare il miglioramento del benessere organizzativo per valorizzare le risorse umane
  • ­costruire e/o mantenere relazioni di lavoro positive che contribuiscano al miglioramento della qualità della vita dei lavoratori e alla qualità delle loro prestazioni

 

Inoltre durante il corso si andranno in specifico a fornire le basi di conoscenza tali da:

  • ­prevenire i rischi psico-sociali (mobbing, straining, burn-out)
  • ­aumentare la motivazione dei collaboratori
  • ­migliorare i rapporti tra dirigenti e operatori
  • ­accrescere il senso di appartenenza e di soddisfazione dei lavoratori per la propria amministrazione



PROGRAMMA DEL CORSO
Quadro normativo in materia di benessere organizzativo nelle P.A., dal D.Lgs. n. 150/2009 ai modelli per la realizzazione di indagini dell’ANAC
le caratteristiche delle amministrazioni e dei dipendenti pubblici
il campione di riferimento
somministrazione del questionario ed analisi delle domande
la raccolta dei dati
alcuni gruppi di indicatori
la presentazione dei risultati: guida alla lettura dei dati
differenze tra categorie contrattuali e profili professionali
prime considerazioni conclusive

L'attenzione al benessere organizzativo come elemento di cambiamento culturale
diffondere la cultura della partecipazione quale base dell’efficacia, dell’efficienza e dell'orientamento al risultato
migliorare l'immagine dell’organizzazione e la qualità complessiva dei servizi resi

Misurazione del benessere organizzativo
conoscere e comprendere lo stress: funzioni, positività, rischi, quando è utile e quando invece è dannoso
i principali fattori che favoriscono il distress
i sintomi ed i segnali di stress disfunzionale: le componenti del benessere e gli indicatori di malessere
come prevenire i rischi psico-sociali (mobbing, straining, burn-out)

Vantaggi dell’approccio al benessere organizzativo
la comunicazione efficace fra i diversi ruoli/posi-zioni e il clima organizzativo positivo/collaborativo
la valorizzazione e lo sviluppo delle risorse umane: modelli efficaci per la leadership e la motivazione dei collaboratori
la gestione della conflittualità e lo spirito di gruppo
il conseguimento di obiettivi e risultati di lavoro
l’aumento della produttività e dell’efficienza

 

NOTE ORGANIZZATIVE DEL CORSO
Modalità di iscrizione
Telefonare alla Segreteria ITA (011/56.11.426 - 56.24.402 - 54.04.97).
In seguito confermare l'iscrizione via fax (011/53.01.40)
o via internet (http://www.itasoi.it).

 
Quota di partecipazione individuale
Euro 1.400,00 più IVA.
La quota di partecipazione è comprensiva di documentazione, colazioni di lavoro e coffee-break.
SONO PREVISTE CONVENZIONI-ABBONAMENTI E CONDIZIONI AGEVOLATE PER ISCRIZIONI MULTIPLE.
PER INFORMAZIONI CONTATTARE LA SEGRETERIA ITA.
 
Modalità di pagamento
Versamento della quota con:
invio di assegno bancario o circolare intestato a ITA Srl;
bonifico bancario da effettuarsi presso Banca del Piemonte IBAN: IT55 D030 4801 0000 0000 0088 066
oppure presso Banca Regionale Europea - FIL. Torino 10 IBAN: IT19 B069 0601 0090 0000 0002 626

 

Data e Sede
Lunedì 17 e Martedì 18 Novembre 2014
Roma - Hotel Bernini Bristol
Piazza Barberini, 23
 

Orario
9,00 - 13,00 / 14,30 - 17,00

 

Prenotazione alberghiera
La Segreteria ITA è a disposizione dei partecipanti per prenotazioni alberghiere a tariffe preferenziali nei limiti delle disponibilità.

 

Disdetta iscrizione
Qualora non pervenga disdetta scritta almeno 5 giorni lavorativi prima della data dell’evento verrà fatturata l'intera quota di partecipazione.
 In ogni momento è possibile sostituire il partecipante.

ITA - Via Brofferio, 3 - 10121 Torino
Tel. 011/56.11.426 - Fax 011/53.01.40
www.itasoi.it - ita@itasoi.it

Iscrivitialla Newsletter