Contabilità Pubblica
LA GESTIONE DELLE LOCAZIONI PASSIVE DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE E CONTRATTI DI GODIMENTO DI IMMOBILI ALTERNATIVI ALLA LOCAZIONE | Corso Diritto Amministrativo

  • 26-27 marzo 2015 ROMA, HOTEL BERNINI BRISTOL

 

Invia ad un amico
  • Captcha
<p>
	<em><strong>Per informazioni sui crediti formativi professionali contattare la segreteria ITA</strong></em></p>
Brochure stampabile Brochure stampabile
Iscrizione


RELATORI

Emiliano Raganella
Magistrato TAR Calabria
Fabrizio Fedeli
Avvocato dello Stato
Luigi D’Ottavi
Avvocatura del Comune di Roma
Daniela Morgante
Magistrato della Corte dei conti

 


PROGRAMMA DEL CORSO
La razionalizzazione del fabbisogno allocativo della pubblica amministrazione

i piani di razionalizzazione nazionali ex art. 24 del D.L. n. 66/2014 e i parametri metri quadri/addetto
i rapporti delle Amministrazioni con l’Agenzia del Demanio
l’ambito di applicazione soggettivo delle disposizioni sulla razionalizzazione (art. 2 comma 222 quater della Legge 23 dicembre 2009, n. 191)

La procedura di stipulazione del contratto di locazione passiva
le indagini di mercato
il divieto di stipulare contratti di locazione passiva dettato dall’art. 12, comma 1-quater del D.L. n. 98/2011, convertito dalla L. 111/2011
il divieto di stipulare nuove locazioni passive anche per gli enti locali (art. 1, co. 138, L. n. 228/2012)
Emiliano Raganella

Il rapporto di locazione, durata, effetti, obblighi delle parti, quando il conduttore è una pubblica amministrazione

la rinnovazione tacita della locazione

Canoni di locazione e spending review
la riduzione autoritativa del canone (art. 3 del Decreto Legge 6 luglio 2012, n. 95, convertito, con modificazioni, dalla Legge 7 agosto 2012, n. 135, come modificato dall’art. 24 comma 4 lett. a) e b) del D.L. n. 66/2014, conv. in L. n. 89/2014
canone di locazione “a crescere” e abbattimento del 15% ex art. 3 D.L. n. 95/2012
riduzione del canone e tutela del locatore
blocco dell’adeguamento ISTAT, tutela del locatore
la cessione dei canoni di locazione

La disciplina del Manutentore Unico
oneri di manutenzione ordinaria e straordinarie e clausole contrattuali

Il recesso dal contratto dell’Amministrazione conduttrice
il recesso previsto dall'articolo 3, comma 3, del D.L. 95/2012 convertito in Legge 7 agosto 2012, n. 135
ambito soggettivo ed oggettivo di applicazione delle disposizioni dell'articolo 2bis del Decreto Legge 15 ottobre 2013 n. 120, convertito con Legge 13 dicembre 2013, n. 137 che attribuisce alla pubblica amministrazione la facoltà di recedere dai contratti di locazione
il recesso di cui all’art. 24, comma 2 bis, del D.L. n. 66/2014, conv. in L. n. 89/2014
il recesso per gravi motivi ex art. 27 comma 8 L n. 392/1978

Recesso del locatore e requisizione in uso dell’immobile

Scadenza della locazione e mora dell’amministrazione conduttrice

il rilascio dell’immobile locato alla scadenza del contratto
Fabrizio Fedeli

Forme contrattuali per il godimento di immobili alternative alla locazione

locazione di cosa futura
leasing in costruendo
contratto di disponibilità (art. 160 ter D.Lgs. n. 163/2006)
rent to buy (art. 23 D.L. n. 133/2014 “Sblocca Italia”): la nuova disciplina dei contratti di godimento di immobili in funzione della successiva alienazione; ambito di applicazione nella pubblica amministrazione (social housing; dismissione immobili pubblici attraverso il rent to buy; la pubblica amministrazione in qualità di buyer)
Luigi D’Ottavi

La responsabilità erariale nella fase della stipula, del rinnovo e della gestione delle locazioni attive e passive

le locazioni attive: determinazione, aggiornamento, riscossione del canone, giurisdizione, canone inadeguato
le locazioni attive: la scelta del conduttore e l’abusivismo
le locazioni passive: razionalizzazione e spending review degli immobili pubblici, canone eccedentario, locazione ingiustificata
manutenzione dell’immobile, straordinaria, ordinaria, interventi non necessari
anticorruzione e trasparenza nelle locazioni della P.A.
Daniela Morgante

 

NOTE ORGANIZZATIVE DEL CORSO
Modalità di iscrizione
Telefonare alla Segreteria ITA (011/56.11.426 - 56.24.402 - 54.04.97).
In seguito confermare l'iscrizione via fax (011/53.01.40 - 56.27.733 - 54.40.89)
o via internet (http://www.itasoi.it).
 
Quota di partecipazione individuale
Euro 1.350,00 più IVA.
La quota di partecipazione è comprensiva di documentazione, colazioni di lavoro e coffee-break.
SONO PREVISTE CONVENZIONI-ABBONAMENTI E CONDIZIONI AGEVOLATE PER ISCRIZIONI MULTIPLE.
PER INFORMAZIONI CONTATTARE LA SEGRETERIA ITA.
 
Modalità di pagamento
Versamento della quota con:
invio di assegno bancario o circolare intestato a ITA Srl;
bonifico bancario da effettuarsi presso Banca del Piemonte IBAN: IT55 D030 4801 0000 0000 0088 066
oppure presso Banca Regionale Europea - FIL. Torino 10 IBAN: IT19 B069 0601 0090 0000 0002 626

 

Data e Sede
Giovedì 26 e Venerdì 27 Marzo 2015
Roma - Hotel Bernini Bristol
Piazza Barberini, 23
 

Orario
9,00 - 13,00 / 14,00 - 17,00

 

Prenotazione alberghiera
La Segreteria ITA è a disposizione dei partecipanti per prenotazioni alberghiere a tariffe preferenziali nei limiti delle disponibilità.

 

Disdetta iscrizione
Qualora non pervenga disdetta scritta almeno 5 giorni lavorativi prima della data dell’evento verrà fatturata l'intera quota di partecipazione.
In ogni momento è possibile sostituire il partecipante.

ITA - Via Brofferio, 3 - 10121 Torino
Tel. 011/56.11.426 - Fax 011/53.01.40
www.itasoi.it - ita@itasoi.it

Iscrivitialla Newsletter