Diritto Amministrativo
AVVOCATI INCARDINATI NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI | Corso Avvocati Incardinati negli Enti Pubblici

ISCRIZIONE NELL’ELENCO SPECIALE ANTICORRUZIONE -RESPONSABILITA’ DELL’AVVOCATO DIPENDENTE -DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO -TRATTAMENTO ECONOMICO

  • 25-26 febbraio 2015 ROMA, AMBASCIATORI PALACE HOTEL

 

Invia ad un amico
  • Captcha
<p>
	Per informazioni sui Crediti Formativi Professionali contattare la Segreteria ITA</p>
Brochure stampabile Brochure stampabile
Iscrizione


RELATORI

Silvano Imbriaci
Avvocato
Ufficio Legale INPS
Direzione Provinciale di Firenze
Stefano Toschei
Consigliere T.A.R. Lazio
Stefano Varone
Avvocato dello Stato
Sandro Mainardi
Ordinario di Diritto del Lavoro
Università di Bologna

 

PROSSIME INIZIATIVE !

 

Consulta l'elenco corsi dell'area tematica DIRITTO AMMINISTRATIVO e AVVOCATI INCARDINATI NEGLI ENTI PUBBLICI

 

 

PROGRAMMA DEL CORSO

GLI ASPETTI PUBBLICISTICI

Avvocati di enti pubblici e riforma dell’ordinamento forense

l’art. 23 della legge n. 247/2012
le novità rispetto alla disciplina previgente (art.3 r.d.l.n. 1578/1933)
collocazione della norma e principi generali
il recepimento dei principi giurisprudenziali

La costituzione dell’Ufficio legale
le possibili forme di organizzazione del settore legale negli enti
la difesa in giudizio a mezzo di funzionari
la costituzione dell’Ufficio legale: scelta obbligata?
enti pubblici e società partecipate

I presupposti per l’iscrizione nell’elenco speciale
organizzazione dell’Ufficio legale: limiti al potere discrezionale
autonomia dell’ufficio ed estraneità all’apparato amministrativo
i concetti di autonomia e indipendenza di giudizio
la posizione rispetto alla tecnostruttura e agli organi di vertice
le gerarchie interne: coordinamento e responsabilità dell’ufficio
la trattazione esclusiva e stabile degli affari dell’ente: le deroghe
la sentenza della Corte Costituzionale 22 maggio 2013
la difesa dell’ente a mezzo di funzionari
l’inamovibilità
Silvano Imbriaci

Rapporti con gli avvocati esterni

il tendenziale divieto di ricorso agli avvocati esterni in presenza di un’avvocatura interna
l’affidamento dell’incarico agli avvocati non dipendenti
procedura di gara o scelta fiduciaria?

Avvocatura pubblica e prevenzione della corruzione
il ruolo di presidio della legalità attribuito all’Avvocato dipendente
partecipazione dell’Avvocatura alla predisposizione del Piano Triennale di prevenzione della corruzione
coinvolgimento dell’Avvocatura nella fase di monitoraggio (informazioni sull’attività)
il referente del responsabile della prevenzione della corruzione scelto all’interno dell’Ufficio legale
il coinvolgimento dell’Avvocato nella formazione di atti interni legittimi e nell’aggiornamento dell’attività amministrativa
Stefano Toschei

Rapporti con l’Avvocatura di Stato

il patrocinio c.d. facoltativo
la scelta di avvalersi dell’avvocatura dello Stato
istituzione dell’Avvocatura interna ed effetti sul patrocinio erariale

La responsabilità dell’avvocato dipendente
la natura della responsabilità dell’avvocato incardinato
la colpa professionale. Il parametro della diligenza
problemi di particolare complessità: casistica
la discrezionalità nella gestione delle transazioni
rapporto di servizio e questioni di giurisdizione
le polizze assicurative
il premio assicurativo e il soggetto obbligato
danno erariale da polizza assicurativa illegittima e da mancata attivazione di polizza legittima

Il rimborso delle spese legali
soggetti aventi diritto
presupposti per il rimborso
opponibilità all’amministrazione dei compensi pattuiti con il legale
Stefano Varone

GLI ASPETTI PRIVATISTICI

Fonti del rapporto di lavoro dell’avvocato pubblico

dalla privatizzazione alla c.d. riforma Brunetta (L. n. 15/2009 e D.Lgs. n. 150/2009)
contratto e rapporto con l’art. 23 della nuova legge professionale
la collocazione contrattuale dei professionisti dipendenti
rapporto con la dirigenza
contrattazione decentrata
inquadramento contrattuale degli avvocati incardinati
La disciplina del rapporto di lavoro
le indicazioni contenute nell’art. 23 della L. n. 247/2012
autonomia ed indipendenza: la protezione contrattuale
esame della giurisprudenza
mansioni e ius variandi
i rapporti all’interno dell’ufficio
Sandro Mainardi

Il trattamento economico

il diritto alla liquidazione dei compensi professionali
natura giuridica dei compensi professionali
il rapporto con la retribuzione di risultato
ruolo dei regolamenti e della contrattazione collettiva
l’adeguatezza del trattamento economico (art. 23 L. n. 247/2012)
compensi e spending review: orientamenti della Corte dei Conti e posizione della Ragioneria dello Stato
i riferimenti contenuti nella legge di stabilità per il 2014
la riforma della disciplina dei compensi professionali: art. 9 del D.L. n. 90/2014
La riformulazione della norma in sede di conversione (L. n. 114/2014)
la distinzione tra compensi riscossi e compensi dovuti a seguito di sentenza favorevole con compensazione di spese
il rinvio ai regolamenti degli enti e alla contrattazione collettiva
oneri riflessi e la questione dell’IRAP
cenni sugli aspetti pensionistici
Silvano Imbriaci


NOTE ORGANIZZATIVE DEL CORSO
Modalità di iscrizione
Telefonare alla Segreteria ITA (011/56.11.426 - 56.24.402 - 54.04.97).
In seguito confermare l'iscrizione via fax (011/53.01.40)
o via internet (http://www.itasoi.it).
 

Quota di partecipazione individuale
Euro 1.4500,00 più IVA.
La quota di partecipazione è comprensiva di documentazione, colazioni di lavoro e coffee-break.
SONO PREVISTE CONVENZIONI-ABBONAMENTI E CONDIZIONI AGEVOLATE PER ISCRIZIONI MULTIPLE.
PER INFORMAZIONI CONTATTARE LA SEGRETERIA ITA
 

Modalità di pagamento
Versamento della quota con:
invio di assegno bancario o circolare intestato a ITA Srl;
bonifico bancario da effettuarsi presso Banca del Piemonte IBAN: IT55 D030 4801 0000 0000 0088 066
oppure presso Banca Regionale Europea - FIL. Torino 10 IBAN: IT19 B069 0601 0090 0000 0002 626
 

Data e Sede
Mercoledì 25 e Giovedì 26 Febbraio 2015

Roma - Ambasciatori Palace Hotel
Via V. Veneto, 62


Orario
9,00 - 13,00 / 14,00 - 17,00;

Prenotazione alberghiera
La Segreteria ITA è a disposizione dei partecipanti per prenotazioni alberghiere a tariffe preferenziali nei limiti delle disponibilità.
 

Disdetta iscrizione
Qualora non pervenga disdetta scritta almeno 5 giorni lavorativi prima della data dell’evento verrà fatturata l'intera quota di partecipazione.
In ogni momento è possibile sostituire il partecipante.

ITA - Via Brofferio, 3 - 10121 Torino
Tel. 011/56.11.426 - Fax 011/53.01.40
www.itasoi.it - ita@itasoi.it

Iscrivitialla Newsletter