Sicurezza, Salute, Igiene sul Lavoro, Rifiuti, Ambiente
LA GESTIONE AMBIENTALE NEI PORTI | Corso Ambiente

 

Invia ad un amico
  • Captcha
<p>
	<em><strong>La richiesta dei Crediti Formativi Professionali presso l&#39;Ordine degli Avvocati di Roma deve pervenire alla Segreteria ITA entro 24 giorni prima della data del corso</strong></em></p>
Brochure stampabile Brochure stampabile
Iscrizione


RELATORI

Alberta Milone
Avvocato
già consulente presso il Ministero dell'Ambiente
in materia di V.I.A., attualmente consulente
per conto del C.N.R. presso lo stesso Ministero
Vittorio Giampietro
Ingegnere
Consulente ambientale
Maria Adele Prosperoni
Avvocato in Roma
Antonio Guariniello
Consulente di Pubblica Amministrazione
in materia di Diritto Ambientale

 

Data e sede del corso da definirsi
PROGRAMMA DEL CORSO
La valutazione ambientale strategica

disciplina comunitaria e nazionale
autorità competenti
piani e programmi sottoposti a VAS e a verifica di assoggettabilità
la VAS del piano regolatore portuale
le fasi del procedimento di VAS
natura della pronuncia di VAS
rapporti tra VAS e VINCA (valutazione di incidenza ambientale)

La valutazione di impatto ambientale (VIA) alla luce delle novità introdotte dal D.Lgs. n. 104/2017
evoluzione della disciplina comunitaria e nazionale
principi ispiratori
autorità competenti
i progetti sottoposti a VIA e a screening
le modifiche sostanziali
le fasi del procedimento di VIA
rapporti tra VIA e VINCA
rapporti tra le procedure di VIA e VAS del piano regolatore portuale
controlli e sanzioni. La VIA postuma
autonoma impugnabilità del provvedimento di VIA. Sindacato giurisdizionale
la VIA delle grandi opere

L’autorizzazione integrata ambientale (AIA)
fonti comunitarie e nazionali
autorità competenti
il campo di applicazione dell’AIA
impianti nuovi ed esistenti. La disciplina transitoria
modifiche e modifiche sostanziali
rilascio, rinnovo e riesame dell’AIA
il procedimento di rilascio dell’AIA
il contenuto dell’AIA
rapporti tra VIA e AIA
controlli e sanzioni

Tutela dall’inquinamento acustico, a seguito dei D.Lgs. n. 41/2017 e 42/2017
cenni alla legge quadro in materia (L. n. 447/95) e relativi decreti attuativi
autorità competenti
il piano di zonizzazione acustica comunale
i piani di abbattimento del rumore, ai sensi del D.M. 29 novembre 2000
i piani di azione ai sensi del D.Lgs. n. 194/05 relativi agli agglomerati urbani e alle infrastrutture di trasporto
orientamenti giurisprudenziali in merito alla responsabilità, ai sensi dell’art. 844 c.c. delle Autorità Portuali in relazione alle immissioni acustiche determinate dalle operazioni portuali
prospettive di riforma

Dragaggio, gestione dei sedimenti marini e delle terre da scavo
le disposizioni del DM n. 172/2016 sulla gestione dei materiali di dragaggio dei siti di bonifica di interesse nazionale
modalità e norme tecniche per i dragaggi dei materiali
le disposizioni del DM n. 173/2016, recante modalità e criteri tecnici per l’autorizzazione all’immersione in mare dei materiali di escavo dei fondali marini
l’allegato tecnico al DM n.173/2016: inquadramento dell’area di scavo, caratterizzazione e classificazione dei materiali dell’area di escavo di fondali marini, indicazioni tecniche per la gestione dei materiali
le disposizioni del DPR 120/2017 in materia di terre e rocce da scavo: introduzione al nuovo regolamento, criteri e requisiti ambientali per qualificare le terre come sottoprodotti, cenni alle procedure ad agli adempimenti, procedure di campionamento e caratterizzazione chimico-fisica, deposito intermedio e temporaneo, normale pratica industriale, gestione delle terre e rocce da scavo e dei materiali di riporto nell’ambito del procedimento di bonifica
Alberta Milone
Vittorio Giampietro

La gestione dei rifiuti

cenni alle fonti comunitarie e nazionali
autorità competenti
strumenti di pianificazione e programmazione
la nozione di rifiuto, di sottoprodotto e di cessazione della qualifica di rifiuto
adempimenti autorizzatori, amministrativi e gestionali
il sistema di tracciabilità informatico dei rifiuti (SISTRI)
la disciplina relativa ai rifiuti prodotti dalle navi, ai sensi del D.Lgs. n. 182/03
il piano di raccolta dei rifiuti da nave e dei residui di carico dell’Autorità Portuale
gli obblighi del comandante della nave
gli obblighi dei gestori degli impianti portuali di raccolta
i compiti delle Capitanerie di Porto di sorveglianza e accertamento degli illeciti nella gestione dei rifiuti
sanzioni

Tutela delle acque dall’inquinamento
cenni alle fonti comunitarie e nazionali
definizioni normative e casi pratici
tipologie di scarichi ed autorizzazioni
immersione in mare dei materiali provenienti da attività di escavo
sanzioni

La bonifica dei siti contaminati
riferimenti normativi ed evoluzione della disciplina nazionale in materia
definizioni di riferimento
la responsabilità per la contaminazione. La posizione del proprietario del sito contaminato
il procedimento di bonifica
rapporti tra abbandono di rifiuti e bonifica
sanzioni
rapporto tra le sanzioni in materia di bonifica ed i reati ambientali approvati con la legge 22 maggio 2015, n. 68 (disposizioni in materia di delitti contro l'ambiente)
Maria Adele Prosperoni

Tutela dall’inquinamento atmosferico

cenni alla disciplina in tema di tutela dall’inquinamento atmosferico
autorità competenti
i procedimenti autorizzatori relativi agli impianti industriali
i piani di qualità dell’aria, ai sensi del D.Lgs. n. 155/10
la disciplina dei combustibili per uso marittimo, ai sensi del D.Lgs. n. 152/06
il controllo del tenore di zolfo nei combustibili per uso marittimo
compiti di accertamento delle Capitanerie di Porto
sanzioni

Il danno ambientale
il risarcimento del danno ambientale, in base all’art. 18, L. n. 369/86
la direttiva n. 35/2004/CE
il recepimento della direttiva n. 35/2004/CE con il D.Lgs. n. 152/06, parte VI
la procedura di infrazione comunitaria e le modifiche apportate dalla L. n. 97/2013 al D.Lgs. n. 152/06, parte VI
le misure di riparazione e la quantificazione monetaria del danno
rapporti tra disciplina sulla bonifica e quella sul danno ambientale
rapporti tra la disciplina di cui alla legge n. 979/82 e le disposizioni in materia di danno all’ambiente di cui al D.Lgs. n. 152/06, parte VI
Antonio Guariniello



NOTE ORGANIZZATIVE DEL CORSO
Modalità di iscrizione
Telefonare alla Segreteria ITA (011/56.11.426 - 56.24.402 - 54.04.97).
In seguito confermare l'iscrizione via fax (011/53.01.40)
o via internet (http://www.itasoi.it).
 

Quota di partecipazione individuale
Euro 1.450,00 più IVA.
La quota di partecipazione è comprensiva di documentazione, colazioni di lavoro e coffee-break.
SONO PREVISTE CONVENZIONI-ABBONAMENTI E CONDIZIONI AGEVOLATE PER ISCRIZIONI MULTIPLE.
PER INFORMAZIONI CONTATTARE LA SEGRETERIA ITA
 

Modalità di pagamento
Versamento della quota con:
invio di assegno bancario o circolare intestato a ITA Srl;
bonifico bancario da effettuarsi presso Banca del Piemonte IBAN: IT55 D030 4801 0000 0000 0088 066
oppure presso UBI Banca spa - FIL. Torino 10 IBAN: IT56 o031 1101 0080 0000 0002 626


Orario
9,00 - 13,00 / 14,30 - 17,00
 

Prenotazione alberghiera
La Segreteria ITA è a disposizione dei partecipanti per prenotazioni alberghiere a tariffe preferenziali nei limiti delle disponibilità.
 

Disdetta iscrizione
Qualora non pervenga disdetta scritta almeno 5 giorni lavorativi prima della data dell’evento verrà fatturata l'intera quota di partecipazione.
In ogni momento è possibile sostituire il partecipante.

ITA - Via Brofferio, 3 - 10121 Torino
Tel. 011/56.11.426 - Fax 011/53.01.40
www.itasoi.it - ita@itasoi.it

Iscrivitialla Newsletter